Graffiti nel mondo

IN QUESTA PAGINA PRESENTIAMO ALCUNE IMMAGINI DI GRAFFITI FUORI DAL TERRITORIO ALESSANDRINO, ZONA DI RIFERIMENTO DEL PROGETTO KILROY.
    • SCRITTE E DISEGNI DI VARIO GENERE (ANCHE DEL VENTENNIO FASCISTA ) CHE CI  E’ CAPITATO DI INCONTRARE NEI  VIAGGI REALI  E NEI VIAGGI VIRTUALI SUL WEB
    • PROGETTI INTERESSANTI DI ALTRE CITTA’ ASSOCIAZIONI  ENTI  CHE PRESENTANO RACCOLTE DI MEMORIE ATTRAVERSO GRAFFITI STORICI
 
CINISELLO BALSAMO (MILANO)  Progetto  "Le pietre raccontano"

Le scritte murali con motti, spesso attribuiti a Benito Mussolini o da lui coniati, furono uno dei principali strumenti di propaganda durante il regime fascista. un canale largamente funzionante quello dei motti mussoliniani epigrafati con solennità grafica su edifici pubblici e privati, facciate rappresentative, ma anche su muri qualsiasi, cinte e cascinali. Un canale di propaganda disponibile anche per quegli strati sociali della popolazione che non avevano accesso alla stampa, una forma di propaganda tutt’altro che marginale. Si trattava di scritte con una base d’intonaco, su cui venivano verniciati i caratteri con esecuzione manuale a pennello. Caratteri che rispondevano a una tipologia grafica sostanzialmente unica, rappresentata dal carattere tipografico bastone, privo di ornamenti, semplice e squadrato. Sotto il profilo dei committenti delle scritte, si possono cogliere delle differenze tra le scritte ufficiali, commissionate secondo direttive procedenti dal centro alla periferia, perciò uniformi, quelle semispontanee, a iniziativa degli organi fascisti locali e quelle spontanee, cioè ad opera di singoli simpatizzanti.

E’ l’aratro che traccia il solco e la spada che lo difende 

W il re W il duce

 

 

 PROVINCIA DI VITERBO 

 LE SCRITTE MURALI DEL PERIODO FASCISTA DELLA PROVINCIA DI  VITERBO.
Leggi tutto l’articolo di Antonello Ricci

Ancora visibili in molti luoghi della Provincia di Viterbo i documenti che attestano il diffondersi della propaganda fascista nelle nostre campagne.


MILANO

Scritta sbiadita a Milano,  eredità del ventennio fascista, è una delle tante frasi propagandistiche di Mussolini che comparivano principalmente nei muri dei paesi e su molti cascinali nelle campagne italiane. In questo caso è un rarissimo esempio, forse unico, presente in una grande città come Milano anche se posto nell’estrema periferia sud della città nel quartiere del Vigentino, fino a pochi anni prima del Fascismo, Comune a se stante di vocazione agricola. Interessanti in queste tipologie di scritte sono, ovviamente, i caratteri utilizzati: lineari condensati con delle lettere particolari nel disegno come la ‘N’.

 
È l’azione che da la tempra alle anime”
Foto  da Giò Fuga Type/ blog

 

 

GENOVA 

Lapide in ricordo di partigiani morti
Foto DAC aprile 2011, Genova Liguria Italia
NIKON D3100
ISO 280 55 mm  f5/6  1/125

 

 

OLIOSI (Verona) Targa indicante la città di Oliosi ( foto Daniela Causa 2012)



 

 

 

TRIESTE - Simbolo "Idrante da incendio" (foto Daniela Cuasa marzo 2013)

Simbolo di”IDRANTE DA INCENDIO ” dipinto sul muro, utilizzato durante la secondaguerra mondiale. I punti in cui erano presenti gli idranti (in realtà bocchette dell’acqua poste rasoterra e chiuse da tombini) erano segnalati da una lettera I nera dentro ad un cerchio, spesso con il bordo nero e il corpo bianco. Oltre alle lettera, l’idrante era segnalato da una targhetta spesso posizionata nella parte inferiore del muro. A seconda della disposizione dell’idrante (adesempio dietro ad un angolo) potevano essere presenti più lettere Iper rendere più facile l’utilizzo dell’idrante.

 

 

 

 

 

TRIESTE -   Simbolo Uscita di Sicurezza ( foto Daniela Causa marzo 2013)

Spesso il retro dei palazzi che presentavano il classico segnale R (Rifugio) con una o più frecce, presentava anche le lettere US, indicanti le uscite di sicurezza del rifugio. Serviva come indicazione ai soccorritori

 

Articoli recenti

  1. Acceglio (CN) Lascia una risposta
  2. Acceglio (CN) Lascia una risposta
  3. STAZIONE DI VICOFORTE Lascia una risposta
  4. FRACONALTO Lascia una risposta
  5. Bistagno ( Al) Lascia una risposta
  6. Pietrasanta (Toscana) Lascia una risposta
  7. Agliano Terme (Piemonte) Lascia una risposta
  8. Montà D’Alba (Cuneo) Lascia una risposta
  9. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  10. Aosta Lascia una risposta
  11. Barolo (CN) Lascia una risposta
  12. Barolo (CN) Lascia una risposta
  13. Quargnento Lascia una risposta
  14. Montebello della Battaglia (PV) Lascia una risposta
  15. Refrancore (AT) Lascia una risposta
  16. Castagnole Monferrato (AT) Lascia una risposta
  17. Castagnole Monferrato (AT) Lascia una risposta
  18. Castagnole Monferrato (AT) Lascia una risposta
  19. Barolo (CN) Lascia una risposta
  20. Barolo (CN) Lascia una risposta
  21. Barolo (CN) Lascia una risposta
  22. Barolo (CN) Lascia una risposta
  23. Barolo (CN) Lascia una risposta
  24. Novi Ligure Lascia una risposta
  25. Castell’Arquato (PC) Lascia una risposta
  26. Novi Ligure Lascia una risposta
  27. Vercelli Lascia una risposta
  28. Vercelli Lascia una risposta
  29. Ovada Lascia una risposta
  30. Ovada Lascia una risposta
  31. Ovada Lascia una risposta
  32. Ovada Lascia una risposta
  33. Alessandria Lascia una risposta
  34. Alessandria Lascia una risposta
  35. Alessandria Lascia una risposta
  36. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  37. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  38. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  39. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  40. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  41. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  42. Marsiglia (Francia) Lascia una risposta
  43. Novi Ligure Lascia una risposta
  44. Alessandria Lascia una risposta
  45. Alessandria Lascia una risposta
  46. Ovada Lascia una risposta
  47. Villa del Foro (Alessandria) Lascia una risposta
  48. Villa del Foro (Alessandria) Lascia una risposta
  49. Cerro Tanaro Lascia una risposta